mello blog

Sulemani!

Con Marini questa volta ci arrendiamo davvero

with 2 comments

mariniPoi dici… Franco Marini.

C’è stata negli ultimi mesi, nel grande popolo della sinistra, o di quello che ne era rimasto, una sorta di guerra fredda familiare. A rompere il fronte, fino ad allora unito sotto le bandiere dell’antiberlusconismo, lui, Beppe Grillo.

In questo variegato mondo della sinistra, in ogni sua declinazione, tra amici reali e virtuali, tra parenti stretti o conoscenti incontrati per caso; tra ex compagni di scuola, colleghi di lavoro, amici del calcetto, vicini di corsia in piscina, il tema Cinque Stelle ha portato a litigi, incazzature, divisioni.

Chi difendeva Grillo diceva: «Il centrosinistra è uguale al Pdl. E io non lo voto più».

Chi attaccava Grillo rispondeva: «È vero, il centrosinistra ha dato pessima prova di sé. Ma Grillo non è la soluzione, la politica non è improvvisazione, l’incompetenza è un limite e non un valore».

Sui social network la guerra fredda è diventata guerra guerreggiata. Sempre quelli gli schieramenti. Pro-Grillo e contro-Grillo.

Un popolo, in gran parte di una sinistra delusa, faceva proprio il dileggio, il senso di rivalsa, la novità rappresentata dalla vittoria a 5Stelle.

Un altro popolo, anche questo di sinistra, faceva notare tutte le contraddizioni di Grillo: le decisioni calate dall’alto, le espulsioni dei dissidenti, la commistione tra un’azienda privata (la Casaleggio) e un partito politico; la violenza del linguaggio, lo svilimento delle istituzioni, i limiti di una democrazia che si diceva “diretta e digitale” ma che risultava chiusa e verticistica.

Discutere non è mai inutile. Questi scontri serrati, questa guerra verbale, sembrava pronta a dare i suoi frutti, a riconciliare le posizioni a metà del guado: una sinistra più attenta al cambiamento poteva trovare una sintesi con un 5Stelle finalmente più attento a questioni concrete e maggiormente libere dal giogo di Grillo.

Poi, nelle ultime ore, tutto è precipitato. La colpa va detto, è di Bersani. La sua idea, inseguita testardamente, di andare ad un accordo ad ogni costo con il Pdl di Berlusconi, magari per garantirsi un governicchio esposto alle intemperanze di un Brunetta qualsiasi, ha portato ad incoronare Franco Marini come candidato del Pd al Quirinale. Forse sarà eletto al Colle già alla prima votazione.

Marini, un uomo dalle qualità tutte da dimostrare, succo concentrato della prima Repubblica, è legato in maniera saldissima al gruppo di potere che ha guidato il paese negli ultimi quarantanni. Un dinosauro democristiano, possiamo dirlo, che sta ad Obama come il Libro Cuore sta a Fight Club.

La vittoria la incassa Grillo. Che ha organizzato online delle elezioni senza alcuna trasparenza, durante le quali solo quattro gatti hanno potuto dire la loro. E che però è riuscito, nonostante tutto, a portare avanti un nome cristallino, bello, condiviso per la corsa al Quirinale. Quello di Stefano Rodotà. Che poteva rappresentare il simbolo plastico del cambiamento auspicato da tutti gli italiani, un uomo di elevatissimo livello, che sta a Marini come un Altiero Spinelli sta a Nonno Libero.

Invece no. Dicono Marini. Votato da Bersani e Berlusconi, e giù giù a seguire.

Tutti gli sforzi fatti, tutti gli insulti presi, per difendere la “buona politica”, che non è solo casta, che non è solo inciucio, che è anche voglia di avere un progetto, di cambiare le cose, affianco, insieme; sono ora umiliati, buttati nel cesso.

Come convincere, da oggi in poi, gli italiani, che Grillo non aveva ragione, era solo protesta senza soluzioni? Come far ri-innamorare della politica il popolo della sinistra e del centro-sinistra? Non ne ho idea.

Verrebbe da dire una cosa soltanto, parafrasando proprio Grillo. Loro non si arrenderanno mai (ma gli conviene?). Noi, questa volta, forse ci arrendiamo davvero.

Advertisements

Written by federicomello

April 17, 2013 at 6:25 pm

Posted in palazzi

Tagged with , , , ,

2 Responses

Subscribe to comments with RSS.

  1. Quattro gatti sono sempre di due sorci. Questa decisione del Pd e di Bersani dimostra non solo che il M5S pensa a mettere in politica persone rispettate e rispettabili ma che Grillo aveva ragione su Bersani

    attilio

    April 17, 2013 at 6:46 pm

  2. Mello te eri uno di quelli che sbraitava contro chiunque non appoggiava le proposte di larghe intese di quel coglione di Bersani. Ora pensa a quanta merda avresti ingoiato se Grillo avesse accettato quella proposta. Il PD si deve svegliare, e mi meraviglio di quanti come voi hanno difeso (forse con qualche vile interesse) le decisioni di un uomo e di un partito che ha lentamente smontato la sinistra italiana. E non è solo con Renzi che si salverebbe, ci vuole un cambio totale, un vertice nuovo, capace di appoggiare i veri valori di sinistra (lavoro,stato sociale, ecc.) capace di condividere movimenti come quelli no tav o contro il potere delle banche, movimenti se vuoi populisti ma che in un contesto come questo potrebbero risvegliare la fiducia nelle persone. Bisogna che il PD sia capace di epurarsi e soltanto dopo può meritare il voto dei pochi cristi rimasti. Deve recuperare quella credibilità, quella onestà, quella cultura che è l’unico vero valore della sinistra italiana. Al momento non esiste nel PD nulla e nessuno che possa fare di quello scempio un partito degno di voto. Neanche con i vostri estremi tentativi di difesa. Se Grillo ha una funzione è questa, smontare questo schifo che è la politica, e se il PD riesce a capirlo forse Grillo non sarebbe neanche un problema.

    PHO.

    April 18, 2013 at 8:57 pm


Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: